Il significato di Buddha

Per cominciare dal significato di Buddha, da dove viene la parola Buddha? La parola Buddha deriva da Siddhartha Gautama. Questo gentiluomo nacque nel 563 a.C. nel sud del Nepal, vicino al confine con l'India. Siddhartha non era uno qualunque, era il principe del clan Shakya.
 

La vita e il significato di Buddha

Ha trascorso la sua vita alla ricerca del percorso verso l'illuminazione. Per questo rinunciò al titolo di principe e lasciò la moglie e il figlio appena nato. Questo significa raggiungere lo stato di illuminazione attraverso il digiuno e la meditazione. Sperava che, una volta raggiunto lo stato di illuminazione, sarebbe stato in grado di liberare tutti gli esseri viventi dalla loro miseria. Gravemente malnutrito, si rese conto solo che quello che stava facendo non era la strada giusta.

Con questa consapevolezza finì sotto albero della bodhi sedere. Sotto l'albero cadde in una profonda meditazione che durò 49 giorni. Alla fine raggiunse il sentiero dell'illuminazione e ora capì cosa dovresti fare e cosa non dovresti fare per percorrere questo sentiero.

Quando è arrivata la realizzazione?

Aveva 35 anni quando se ne rese conto e poi scelse di viaggiare attraverso l'India settentrionale per insegnare i suoi insegnamenti, il sentiero dell'illuminazione. Lo fece fino alla sua morte, Siddhartha Gautama o Gautama Buddha compì 80 anni.

Il suo insegnamento è in Asia Dharma chiamato l'insegnamento degli illuminati ed è ancora praticato fino ad oggi.

Maggiori informazioni gratuite? Iscriviti alla nostra newsletter senza spam

Conclusione

Buddha è quindi colui che ha realizzato l'illuminazione completa e completa. Buddha discende da una persona, ma oggi con la parola Buddha non intendiamo una persona, ma il più alto stato di coscienza.

Buddha cinque discepoli 3