Mudra

Con la parola Mudra si intende una posizione simbolica della mano. Queste posizioni delle mani, i Mudra, si vedono molto nelle statue di Buddha e hanno tutte un proprio nome e spiegazione. I mundra più comuni sono:

Mudra del Dharmachakra

Questo mudra è anche chiamato "il gesto del predicatore" e si riferisce alla prima volta che Gautama Buddha, dopo aver trovato l'illuminazione, predicò i suoi insegnamenti con i suoi compagni. Per questo motivo, questo mudra simboleggia la messa in moto della "ruota dell'insegnamento", chiamata anche "ruota del Dharma". Questa ruota ha otto raggi che sono il simbolo dell'ottuplice sentiero dell'illuminazione.
Tenere la mano: Tenere le mani all'altezza del torace con i pollici rivolti verso il torace. Lascia che la punta delle dita dell'indice e dei pollici si tocchino, creando piccoli cerchi su entrambe le mani. Quindi posiziona il dito medio della mano sinistra contro il punto in cui si incontrano il pollice e l'indice della mano destra. Il palmo della mano sinistra ora è più rivolto verso l'interno e quello della destra più verso l'esterno. Lascia le dita rimanenti aperte dalla mano.

statue popolari del giardino di buddha

Vitrka mudra

È il mudra dell'insegnamento, è anche ampiamente descritto come il gesto di discussione. Questo è il mudra che Buddha usava per rafforzare le sue parole durante i suoi discorsi e discussioni. Questo gesto ha assicurato che Buddha fosse caratterizzato come un insegnante. È il mudra del ragionamento, dell'insegnamento e della discussione.
Posa della mano: la mano destra è sollevata con il palmo rivolto verso l'esterno. Il pollice e l'indice sono piegati l'uno verso l'altro e si toccano, creando un cerchio. Il gesto della ruota del cuoio.

 

Dhyan mudra

Il mudra della meditazione, della concentrazione sui buoni insegnamenti e del raggiungimento della perfezione spirituale (riposo). Buddha simboleggia il gesto di equilibrio, meditazione interiore e tranquillità. Una statua di Buddha con questo mudra rappresenta una maggiore consapevolezza, per cui l'intero mondo materiale che ci circonda viene dimenticato. A volte Buddha tiene in mano una ciotola per l'elemosina o un vaso con il nettare, questo è il dio che beve Amrita.
Posizione delle mani: entrambe le mani giacciono tranquillamente chiuse in grembo, i palmi rivolti verso l'alto, con la mano destra in alto.

Bhumisparsha mudra

Il gesto di illuminazione. Nel momento in cui Gautama Buddha raggiunse quasi l'illuminazione, c'erano forze del male che volevano trattenerlo da questa illuminazione, Buddha toccò la terra con la mano destra per chiamarla a testimone della verità delle sue parole. Questa posizione si riferisce al momento in cui Buddha raggiunse l'illuminazione, invocando la terra come testimone.
Posizione della mano: la mano destra è sdraiata con il palmo rivolto verso l'interno, la mano sinistra è di lato (dita rivolte a destra) con il palmo rivolto verso l'alto.

 

Varad mudra

Rappresenta il gesto di benedizione, generosità e favore. Il gesto della mano aperta è il simbolo del 'dono della verità' che Buddha ha offerto al mondo.
Posizione della mano: la mano destra è in basso, le dita rivolte verso il basso e il palmo rivolto verso l'alto.

 

Abhaya-mudra

Questo è il gesto di benedizione, rassicurazione e pace. Spesso indicato anche come gesto rassicurante. Questo Buddha terrà lontano da te il pericolo, il male e il male.
Posizione della mano: la mano destra è alzata con il palmo rivolto verso l'esterno. La mano sinistra scende oltre i fianchi.

 

Namaskar mudra

Questo mudra è il gesto di saluto, preghiera e adorazione. Questo mudra di solito comporta inchinarsi e pronunciare la parola namaste, che sta per "Ti saluto". Questa è una posizione della mano che non troverai molto in Buddha, ma onorata da monaci e tempanon.
Posizione delle mani: entrambe le mani sono tenute davanti alla foresta con i palmi e le dita uniti.

 

Shanti-mudra

Questo è il mudra che sta per comunicazione, pace e perdono. Incrociando le mani davanti al petto, Buddha mostra come trasmette il perdono e la pace agli altri.
Posizione delle mani: entrambe le mani sono incrociate sul petto con i palmi rivolti verso il corpo con le dita rivolte verso l'alto.

 

Oltre ai mudra, le posizioni simboliche delle mani, ce ne sono anche diverse asana, posture per le gambe. Con la maggior parte delle immagini di Buddha vediamo il padmasana, meglio conosciuto come il sedile del loto. Il Buddha siede a gambe incrociate, con ogni piede appoggiato su un femore. Buddha siede spesso su una singola o doppia fila di foglie di loto. Il Buddha può anche portare con sé vari attributi.